Francescani in prima linea: Suor Susan Esmile SFIC

Negli ultimi decenni le Filippine hanno subito gravi violazioni dei diritti umani, legate soprattutto alla “guerra alla droga” dell’ex presidente Duterte (2016-2022). Il suo mandato è stato caratterizzato da minacce, esecuzioni extragiudiziali, sparizioni forzate e vessazioni nei confronti dei difensori dei diritti umani.

Suor Susan Esmile SFIC, appartenente alla Congregazione delle Suore Francescane dell’Immacolata Concezione*, è stata nominata nel 2008 coordinatrice per la giustizia, la pace e l’integrità del creato della Provincia Filippina del Nord. Da allora, ha lavorato per proteggere le persone a rischio, nutrire i poveri, rafforzare le comunità e sostenere le vittime dell’ingiustizia.

________________________________________________________________

Quali sono i principali problemi legati ai diritti umani nelle Filippine e come si collegano al suo lavoro?


Le violazioni del diritto alla vita, al cibo, all’acqua potabile e all’alloggio, così come la corruzione, sono i principali problemi dei diritti umani nelle Filippine. Le persone che vivono in povertà sono le più vulnerabili e, quando non possono studiare o non hanno migliori opportunità, a volte possono cadere nella trappola dello spaccio di droga. Durante la “guerra alla droga” di Duterte, migliaia di persone sono scomparse o sono state trovate morte. Nell’ambito dell’operazione “Tokhang”, la polizia era autorizzata a fare irruzione nelle case dei sospetti senza un mandato.

Avrebbero dovuto convincerli ad arrendersi e a cessare le loro attività illegali. In realtà, la maggior parte di loro è stata uccisa illegalmente, spesso nelle proprie case. Abbiamo visitato le veglie funebri delle vittime e abbiamo cercato di consolare le famiglie in lutto con la nostra presenza. Abbiamo dato un piccolo aiuto economico ai più poveri, soprattutto quando gli uccisi erano i capifamiglia. Abbiamo cercato di organizzare e riunire le famiglie delle vittime che vivevano nella stessa zona e le abbiamo indirizzate verso altre istituzioni che potessero aiutarle ad affrontare i loro traumi.

Cosa l’ha ispirata a iniziare a lavorare sui diritti umani e come si collega alla sua vocazione di suora francescana?


Per me, il nostro impegno verso Dio significa abbracciare la causa o la missione di Cristo. Questo significa proteggere la vita, dare da mangiare agli affamati, vestire gli ignudi, liberare i prigionieri, eccetera. È un compito arduo per me se voglio essere discepolo di Cristo. Ritenendo che San Francesco d’Assisi abbia seguito Gesù e il Vangelo quasi alla lettera, sento che questa è anche la mia vocazione: essere fedele al suo esempio di dedizione totale alla causa di Cristo.

Può fare degli esempi di persone che ha aiutato a proteggere?


Molte persone erano braccate o inseguite dai militari a causa del loro orientamento politico o perché testimoni di esecuzioni extragiudiziali. Nel 2007, uno scandalo di corruzione che coinvolgeva l’allora presidente Gloria Macapagal Arroyo fu denunciato da Rodolfo Jun Lozada. Ricevette molte minacce di morte dalle persone coinvolte in quello scandalo, quindi di solito ero io ad accompagnarlo alle udienze.

Ci siamo anche occupati della famiglia di una ragazza che aveva assistito all’uccisione di Kian de Los Santos, una delle numerose vittime del “Tokhang”. Per più di un anno abbiamo accompagnato la testimone alle udienze del tribunale per garantire la sua sicurezza e darle sostegno morale. Naturalmente, c’era sempre il rischio di essere scoperti dalla polizia, dai militari o dai vigilantes mentre trasportavamo la persona da un luogo all’altro, soprattutto se si trattava di qualcuno di alto profilo.

Qual è il risultato di cui va più fiero?


Ho invitato le vittime del traffico di esseri umani e le famiglie delle vittime della guerra alla droga di Duterte e ho chiesto loro di condividere le loro esperienze con le suore per aiutarle a liberarsi dai loro dolori e dalle loro sofferenze e per trovare sostegno da parte loro. Per quanto riguarda le suore, questo le ha rese più consapevoli di ciò che sta accadendo nella nostra società, in modo che le loro preghiere per le vittime dell’ingiustizia siano più concrete dopo averle incontrate personalmente e aver ascoltato le esperienze di prima mano delle vittime. Durante la pandemia, abbiamo anche chiesto donazioni e collaborato con alcuni gruppi e individui per fornire aiuti: beni come riso, scatolame e verdure, attraverso le dispense della comunità ai poveri, soprattutto a coloro che hanno perso il lavoro.

Secondo lei, qual è la differenza tra la carità e il lavoro sui diritti umani? E pensa che si completino a vicenda?


La carità e i diritti umani sono simili per molti aspetti evidenti. Sono entrambi atti di compassione e di riconoscimento della dignità della persona. Ma la carità consiste più nel dare beni materiali ai poveri, mentre il lavoro sui diritti umani affronta le radici della loro sofferenza. Non c’è alcun obbligo di carità. Il lavoro sui diritti umani è qualcosa di più, è un impegno necessario.

*La SFIC è membro dell’Associazione dei Superiori Religiosi Maggiori delle Filippine (AMRSP), ora chiamata Conferenza dei Superiori Maggiori delle Filippine (CMSP). Uno dei partner di missione di questa istituzione è la Commissione Giustizia, Pace e Integrità del Creato (JPICC), i cui membri sono i rappresentanti JPIC delle diverse congregazioni associate.

Per maggiori informazioni, consultate il nostro articolo principale sui Francescani in prima linea per i diritti umani.

Si tratta di una traduzione automatica. Ci scusiamo per gli eventuali errori che ne derivano. In caso di divergenze, fa fede la versione inglese.